Modello 112 Siae Da Scaricare

Modello 112 Siae Da Scaricare modello 112 siae da

Tutta la modulistica SIAE relativa all'iscrizione ai servizi e al deposito delle opere: in questa sezione trovi i documenti, le domande e i modelli SIAE per tutte. Le opere straniere possono essere dichiarate da Editori iscritti alla SIAE in qualità di Sub-Editori, Bollettino di dichiarazione (Modello ), completo dei dati di tutti gli Aventi Diritto dell'opera elaborata oltre che come compilare il bollettino. Nuovo Bollettino di Dichiarazione cartacea Modello H procedura online per pre-compilare il bollettino di dichiarazione ed inviare sempre depositate presso Società Consorelle all'atto dell'iscrizione alla SIAE da parte. S.I.A.E - Modello (da compilare solo se tutti gli autori sono regolarmente iscritti alla SIAE). SCARICA MODELLO Stampare il PDF del modello Modello per depositare brani Siae . Fabbricazione. Spazio da compilare per le sole opere di origine straniera ed a cura del sub-Editore. I proventi di.

Nome: modello 112 siae da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 66.16 MB

Indice Introduzione Il copyright in Europa Regno Unito Introduzione Nel XX secolo, l'avvento dei riproduttori ed in particolare del computer e delle Rete internet, ha definitivamente gettato in crisi tutta l'industria musicale finora fondata sulla gestione del copyright, privandola di fatto di uno dei cardini fondamentali sulla quale si reggeva, ovvero il costo e la difficoltà di riprodurre e diffondere sul territorio le opere.

Fino a pochi anni fa tutti questi aspetti erano gestiti esclusivamente dagli intermediari editori, discografici, produttori cinematografici dietro compenso o cessione dei diritti da parte degli autori.

Queste figure professionali, un tempo necessarie, proprio perché si assumevano il rischio della produzione e della distribuzione di libri, dischi ed altre opere creative oggi stanno perdendo la loro importanza.

Anche in questo caso, la compilazione avverrà solo nei casi di adattamento di un testo preesistente di Pubblico Dominio o tutelato e nel caso, più frequente, di traduzione del testo originale per la realizzazione di cover.

EO Editori originali. SE Sub Editori. Anche questi campi si compilano in presenza di editore, non sono quindi obbligatori. Esempio, il sub editore in Italia di un brano edito in Inghilterra. Per ciascuno degli aventi diritto andrà indicato, ovviamente, il nominativo per gli editori la denominazione.

Altro dato fondamentale è il numero di posizione il nostro identificativo ottenuto dalla SIAE in fase di iscrizione. Per gli associati a società straniere di raccolta diritti è obbligatorio indicare il numero IPI. In poche parole, potremmo perdere i soldini… I codici sono consultabili sulla pagina personale del Portale Autori ed Editori.

Vediamo di cosa si tratta. Per quote DEM si intendono le quote relative ai diritti di pubblica esecuzione.

Per quote DRM si intendono le quote relative ai diritti di riproduzione meccanica. Sia per DEM che per DRM dovranno rispettarsi i criteri e le quote minime previste dalla normativa interna ci torneremo in chiusura di questo tutorial.

Molto più che documenti.

Non è necessaria la firma per aventi diritto non associati o mandanti SIAE. Si tratta di una novità importante rispetto a quanto previsto nel precedente bollettino SIAE Ecco la sezione in questione:. Proventi di riproduzione meccanica Questa parte va compilata a cura del sub editore per le sole opere di origine straniera. Ai fini di questo tutorial, destinato agli autori, non è necessario soffermarci su questo punto. Il resto della seconda pagina del bollettino è dedicato alle avvertenze e, soprattutto, alla documentazione da allegare tutti i modelli sotto elencati sono reperibili sul sito della SIAE.

Questa sezione merita particolare attenzione in quanto sono state introdotte molte novità rispetto alla precedente versione del bollettino SIAE Allegare: 1.

Qui trovate indirizzi e orari di apertura. Ovviamente, dopo gli opportuni controlli, nulla vieta alla SIAE di sollevare osservazioni e rilievi in merito a eventuali irregolarità relative alla dichiarazione della composizione in questione, ad esempio, nel caso in cui vengano attribuite agli aventi diritto quote non conformi al Regolamento vedi più avanti.

La ricevuta ci verrà consegnata di persona o inviata per posta a seconda delle modalità da noi scelte per il deposito. Essi vengono espressi in ventiquattresimi.

Nel bollettino modello H, la SIAE ci chiede di specificare la quota di questi ventiquattresimi che andrà a ciascun autore della canzone. Le quote minime sono efficacemente riassunte nella tabella già vista. Anche in questo caso è importante tenersi entro le quote minime indicate nella tabella già vista.

Tutto chiaro? Altri dubbi? Di Renzo per www. Etichette: autori bollettino siae bollettino siae h compositori deposito di cover deposito opere diritto d'autore editori edizioni musicali scrivere testi per canzoni siae.

Collabora con diversi artisti emergenti per alcuni dei quali ha curato i testi del disco di esordio. La musica è la sua più grande passione. O meglio, quella arrivata prima nella sua vita. La estensione in senso temporale degli interessi musicali sta provocando un curioso fenomeno.

I diritti di esclusiva hanno una durata molto estesa ma comunque limitata nel tempo, attualmente fissata, nella maggior parte dei paesi, a 50 anni. L'opera diventa quindi di pubblico dominio. Un tempo questo periodo individuava la musica anteriore di 50 anni come "classica" e quindi, per logica conseguenza, di pubblico dominio.

Se andiamo invece ora alla musica di 50 anni fa ed oltre troviamo molta produzione jazz il primo Miles Davis, quasi tutto Charlie Parker e Lester Young, molto Dizzy Gillespie e i primi passi di Sonny Rollins e in generale tutto il migliore be-bop classico. Naturalmente lo stesso avviene per buona parte del rock delle origini Haley, Chuck Berry, Buddy Holly ecc. Questa inedita situazione apre nuove possibilità alle piccole etichette discografiche, che infatti stanno già iniziando a produrre interessanti raccolte di jazz be-bop, con inediti o brani fuori catalogo da anni.

La situazione di completa libertà di riproduzione e scambio è comunque limitata alle opere di pubblico dominio, e il passaggio in questa condizione è materia assai complessa e diversa per differenti paesi e legislazioni.

Per quanto tempo un brano musicale è coperto da diritti? Quali diritti sono tutelati e come? Esistono normative internazionali o la situazione è diversa da paese a paese? Numerose sono le domande che possono sorgere in merito alla gestione dei diritti di copia, e che possono interessare ad esempio chi pensa di aprire una radio privata o una stazione radio Internet, inserire documentazione musicale in un sito o addirittura pubblicare dischi in proprio, senza infrangere leggi e diritti altrui e incappare in avvocati patrocinanti gli interessi di costoro.

Diciamo subito che non esiste una normativa internazionale unificata e che le basi stesse della tutela dei diritti sono diverse per differenti legislazioni. Le due legislazioni principali sono quella anglosassone, basata sul diritto di copia copyright e sulla proprietà dell'opera corporate authorship , e quella francese, basata sul concetto di proprietà intellettuale , dalla quale derivano il diritto d'autore droit d'auteur e la proprietà morale sull'opera.

La legislazione italiana deriva da quella francese, nata in epoca rivoluzionaria e giunta in Italia con il codice napoleonico. La legislazione anglosassone è incentrata sulla regolamentazione dello sfruttamento commerciale dell'opera d'ingegno e vede come soggetti principali i privati: gli autori, gli esecutori sotto contratto employees , l'editore e la casa discografica employer. La legislazione francese e italiana è incentrata sulla tutela della proprietà intellettuale dell'opera d'ingegno, il cui sfruttamento economico è regolato dal diritto d'autore, ed è curato da associazioni tra gli autori e gli editori come la SIAE italiana o la SACEM francese.

La situazione legislativa è quindi fortemente difforme nei vari paesi, poiché evidentemente ogni legislazione ha validità nazionale. Limitandoci alla musica e tentando una sintesi, gli elementi che possono essere tutelati per un certo numero di anni scaduti i quali diventano di pubblico dominio sono la esecuzione di un brano registrazione e la idea musica e parole alla base del brano.

La esecuzione vede come attori gli esecutori e la casa discografica che li ha sotto contratto, la ideazione gli autori e il loro editore. Elemento regolato. Detentore dei diritti. Cosa è inibito agli altri senza accordi. Durata dei diritti esempi. Quando diventa di dominio pubblico. Esecuzione - registrazione.

Casa discografica. Dopo la scadenza dei diritti degli attori. Dall'anno solare successivo la scadenza dei diritti. In USA, tutta la produzione antecedente il Proprietà intellettuale. Ottenere il pieno riconoscimento dell'idea originale. Perpetua solo legislazione francese e derivate.

Come sopra, ma solo per lo sfruttamento commerciale e rimanendo sempre validi i diritti morali dell'autore. Da notare che solitamente editori e case discografiche coincidono, che gli autori potrebbero essere senza editore, ma essere tutelati in proprio come autori indipendenti, gli esecutori senza contratto al momento della esecuzione, ma potrebbero vendere i diritti in tempi successivi, e che nel caso di più autori il passaggio al pubblico dominio avviene dopo la morte dell'autore che vive più a lungo, più altri 70 anni per i suoi eventuali eredi.

La individuazione dello status di pubblico dominio per un'opera musicale è resa ancora più complessa dalla legislazione difforme nei vari paesi e dalla parallela facilità di movimentazione, in particolare sulla rete mondiale Internet che, come noto, non ha né confini né dogane. La nuova legge ha modificato quella precedente del ed ha esteso lo sfruttamento dei diritti d'autore a 70 anni dopo la morte dell'autore uniformandola quindi all'uso europeo, in USA in precedenza era limitata a 50 anni e lo sfruttamento delle opere commissionate quindi nel nostro caso, le registrazioni di brani realizzate da artisti sotto contratto ad una casa discografica da a 95 anni.

La nuova legge act non ha modificato la precedente normativa per il punto che considerava di pubblico dominio tutte le opere non le registrazioni, soltanto l'idea dell'opera antecedenti l'anno Con la estensione approvata, quindi, qualsiasi opera messa sotto copyright dopo il è tutelata, in USA, al minimo fino al Per le registrazioni la situazione USA è più complessa, poiché si intrecciano anche leggi dei singoli stati.

In pratica nessuna registrazione in quanto tale è di dominio pubblico all'interno degli USA. La legislazione europea e la possibilità di riproduzione di registrazioni over In Europa invece i diritti di esclusiva sui brani registrati sono rimasti a 50 anni dalla prima pubblicazione o annuncio di pubblicazione, quindi, ad esempio, una registrazione di una esecuzione musicale anteriore di 50 anni da oggi ed effettuata da musicisti europei sotto contratto per una casa discografica europea o filiale europea , è uscita dal regime di esclusiva.

Cosa potrebbero farne terzi o gli stessi esecutori? Una seconda casa discografica potrebbe inserire il brano in un suo disco ad esempio una antologia senza pagare nulla alla casa discografica originaria, né chiedere ad essa il consenso preventivo.

Gli esecutori potrebbero svincolarsi dall'esclusiva e accordarsi con un'altra casa discografica per pubblicare l'opera che, ad esempio, potrebbe essere fuori catalogo da anni.

Il loro compenso non sarebbe dovuto a termini di legge, ma potrebbe essere oggetto di un contratto specifico. Gli autori dei brani dovrebbero essere comunque tutelati, nel senso che la nuova casa discografica dovrebbe poi occuparsi di versare loro la quota di legge, per ogni disco venduto o diffuso in modalità broadcast.

Questo naturalmente se gli autori sono ancora viventi, o sono passati meno di 70 anni dalla loro scomparsa, o se gli autori sono noti.

Nel caso di un brano di tradizionale popolare traditional la nuova riproduzione o diffusione non sarebbe soggetta ad alcun vincolo economico, e potrebbe essere alla portata di qualsiasi soggetto il brano inserito in un sito web, scambiato con sistemi P2P ecc.

Chi ci rimette dalla scadenza dei diritti? Ma anche gli esecutori ovviamente, se ancora viventi se, in base al contratto che li legava alla casa discografica 50 anni fa, percepivano una percentuale su ogni riproduzione o diffusione del brano. Se invece il contratto prevedeva un forfait per loro non cambia nulla. Ad ogni buon conto numerosi artisti inglesi, guidati dal noto cantante degli anni '60 Cliff Richard , hanno sollevato il problema nel loro paese, puntando ad una estensione dello sfruttamento commerciale dell'esecuzione sino ai 95 anni come in USA evidentemente sono piuttosto ottimisti sulla loro aspettativa di vita.

La musica "public domain".

Tutelare i diritti sulle nostre opere

Questa specie di slalom tra le leggi che le diverse normative prevedono consente comunque ad una certa parte della musica registrata nel corso del di essere di pubblico dominio, quindi inseribile su siti web per ascoltarla in streaming o scaricarla in download, sia a titolo gratuito che a pagamento, oppure utilizzabile come contenuto per la produzione di CD o altri supporti fisici, normalmente a pagamento in questo caso, od oppure ancora come base musicale in pubblicità, presentazioni, spot o altri usi.

Il tempo trascorso dalle prime registrazioni di qualità ancora utilizzabili oggi anni '40 del e la persistente validità e interesse di esecuzioni anche di decenni fa rende questa opportunità molto interessante.

Questa opportunità è stata colta da alcune case discografiche europee, che hanno iniziato la pubblicazione di dischi contenenti registrazioni anteriori a 50 anni, anche di autori americani o sotto contratto a compagnie americane. Questi dischi possono circolare soltanto in Europa e non possono essere esportati negli Stati Uniti, ma, secondo il parere generale, sono legali sempre fatti salvi i diritti degli autori.

Questa strada era stata già seguita per registrazioni degli anni '30 Bix Beiderbecke e altri jazzisti classici, ad esempio , ma la produzione degli anni '50 è molto più interessante, perché spesso registrata con criteri di alta fedeltà o comunque di qualità accettabile il microsolco LP risale ai primi anni '50 e quindi commercialmente molto più sfruttabile.

Una casa discografica molto attiva in questo campo è la inglese Proper Records www. Anche la spagnola Fresh Sound Records è molto attiva in questo settore. Cosa succede se l'ipotetico disco ristampato in Europa viene esportato in un altro paese, dove gli stessi soggetti hanno tutela più ampia temporalmente? Una eventualità resa ancora più semplice dal mercato globale Internet o dal download digitale legale. Anche in questo caso potrebbero crearsi situazioni legalmente non corrette, ma assai difficili da individuare e soprattutto da prevenire.

Riassumiamo i vari casi in una tabella, prendendo ad esempio l'Italia o un altro paese europeo e registrazioni USA. Azione corretta. I primi singoli di Elvis Presley. Sarebbe necessario acquisire preventivamente l'assenso dagli autori o loro eredi per la pubblicazione gratuita, oppure provvedere al pagamento.

Ottenuta la autorizzazione si ricade al punto successivo.

Chi rappresenta gli autori o loro eredi, tipicamente nel nostro paese? Le registrazioni di musica folk degli Almanac Singers. Come controllare la nazionalità e la localizzazione dei destinatari?

Dovrebbe anche essere controllata la estensione del diritto d'autore per effetto del CTEA e l'effettivo status di "public domain" per brani traditional. Come si vede la iniziativa è teoricamente perseguibile, anche se costellata di trabocchetti legali.

Nella pagina che abbiamo dedicato alla musica public domain sono spiegati in pratica i vari casi e sono presentati alcuni test in reale su come verificare l'effettivo status di public domain. Il campionamento e la improvvisazione nel jazz.

Una violazione chiara del diritto d'autore è la copia usare un tema musicale già esistente in una nuova composizione, i famosi casi di plagio ma anche il campionamento, in uso comune per rap e simili generi musicali. Ci occorre da parte tua l'accettazione esplicita dei nostri termini di servizio. Dobbiamo verificare che l'email a cui è associato questo account sia veramente la tua. Ti invieremo un link di verifica all'indirizzo fornito in fase di registrazione.

Ti basterà cliccare il link. SIAE - cosa c'è da sapere per tutelare il proprio diritto d'autore. Perché pagare SIAE? Quanto costa diventare un associato SIAE?

È vero che per associarmi a SIAE devo sostenere un esame per dimostrare di saper leggere e scrivere la musica? Ed è vero che per depositare un brano devo consegnare la trascrizione su spartito della canzone?

Come si compila il programma musicale? Lo possono fare solo gli associati SIAE? È vero che se suoniamo nostre canzoni dal vivo a un evento che prevede il pagamento di un biglietto d'ingresso dalla SIAE dovrebbero arrivarci dei soldi? SIAE mi tutela dal plagio? Il disco del mio gruppo verrà distribuito anche all'estero, in Francia e Germania: i diritti d'autore mi verranno comunque corrisposti, anche se la SIAE è italiana?

Suono in un gruppo e sono co-autore dei brani, ma l'altro mio compagno di band che scrive con me è già associato a un'altra società di collecting: per vedermi riconoscere i diritti d'autore delle canzoni che co-firmiamo sono costretto ad associarmi alla sua stessa società o posso associarmi a SIAE?

Vorrei organizzare un concerto del mio gruppo per la festa di laurea di una mia amica: un locale ha promesso di darci lo spazio, ma ci ha detto "alla SIAE pensateci voi".

Cosa dobbiamo fare? Sono un autore emergente che collabora con diversi artisti italiani: associandomi a SIAE posso controllare quanto fruttino i diritti d'autore delle mie opere in caso di esecuzioni pubbliche o passaggi radiotelevisivi? Come faccio a sapere quanto incassa SIAE dai concertini e come distribuisce i proventi?

A cosa serve? E' davvero obbligatorio? Perché per fare il dj devo sottoscrivere una licenza SIAE? Sono un dj che collabora con diversi rapper fornendogli delle basi musicali. Posso considerarmi anch'io un autore e iscrivermi alla SIAE? Come avviene la ripartizione dei proventi incassati da SIAE per le diverse tipologie di utilizzazione delle opere musicali?

Cosa sono le Classi di ripartizione? È vero che SIAE rilascia anticipi? Come si fa a richiedere un anticipo sulla prossima liquidazione? Quando è possibile richiedere un anticipo a SIAE sulla prossima liquidazione? Che cos'è la Direttiva Barnier?

Scrivi Musica per Film e Game: Corso Online Professionale

È vero che SIAE riceve finanziamenti pubblici? Sono associato SIAE e i miei brani passano spesso in radio, come funziona la ripartizione di questi incassi? Siamo studenti e vogliamo aprire la Web radio del nostro Istituto: cosa dobbiamo fare per essere "in regola" con SIAE? Quanto spetta ad autori ed editori per le utilizzazioni della musica appartenente al proprio repertorio su YouTube? Come si controllano le utilizzazioni di YouTube? È vero che sui brani molto vecchi non vale più?

Dobbiamo riconoscergli dei diritti? A che cosa si riferiscono le qualifiche presenti sul bollettino di dichiarazione noto come Modello ? Come faccio ad ottenere una licenza SIAE per le utilizzazioni su internet? È sufficiente ottenere la licenza di SIAE per usare la musica legalmente sul mio sito?

Se sono stato autorizzato direttamente dagli autori ad utilizzare on line le loro opere, devo comunque rivolgermi a SIAE per le autorizzazioni? In che modo SIAE distribuisce i compensi della copia privata ad autori, e artisti e produttori? Quanti e quali bandi sono dedicati alla musica? Come faccio a partecipare ai bandi e inviare un progetto?

Società Italiana degli Autori ed Editori

Quali sono i criteri di valutazione dei progetti presentati per Sillumina? A chi si rivolge il bando "Nuove opere"? Che tipo di progetti musicali si posso presentare per il terzo bando Sillumina? Quale tipologia di spese prevede il bando 3 dedicato a residenze artistiche e formazione?

Che tipo di progetti musicali si posso presentare per il bando Sillumina dedicato al live? Come faccio a sapere se un brano musicale è amministrato da SIAE.

Da cosa deriva il trasferimento di valore? Quali sono le richieste delle società di collecting rappresentate da CISAC per affrontare il trasferimento di valore? Cosa serve ai Governi locali per combattere il trasferimento di valore?