Modello Registro Carico E Scarico

Modello Registro Carico E Scarico modello registro carico e scarico

del modello di registro di carico e scarico di cui all'allegato. “A” del. D.M. 1 aprile , n. CARICO □. SCARICO □. Caratteristiche del rifiuto: a) CER. Tale decreto contiene il modello di registro e le relative istruzioni. (modello A per le attività di produzione, recupero, smaltimento, trasporto, intermediazione e. modelli A e B e la CIRCOLARE 4 agosto , esplicativa sulla compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei. Ai registri di carico e scarico devono essere sempre allegati i formulari di identificazione relativi alle operazioni di trasporto dei rifiuti annotati. Page 2. 8. Il modello. Il registro a cui faremo riferimento è il modello A ossia quello riservato ai produttori di rifiuti, impianti di stoccaggio, recupero, smaltimento.

Nome: modello registro carico e scarico
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 65.82 Megabytes

Il registro di carico e scarico, congiuntamente al formulario, costituisce prova della tracciabilità dei rifiuti, della loro produzione e del loro invio a recupero o smaltimento.

Fino alle date indicate nel DM 26 maggio , anche per i soggetti obbligati al Sistri, rimangono obbligatorie le compilazioni del registro di carico e scarico e del formulario di trasporto.

Devono essere tenuti secondo le procedure e le modalità del registro IVA. Tale decreto contiene il modello di registro e le relative istruzioni modello A per le attività di produzione, recupero, smaltimento, trasporto, intermediazione e commercio con detenzione di rifiuti, modello B per le attività di intermediazione e commercio senza detenzione. Va precisato che tale decreto è applicabile tenendo conto della previsione di entrata in piena operatività del Sistri che, per i soggetti obbligati al suo utilizzo, diverrà sostitutivo del registro.

La vidimazione deve essere effettuata dalla Camera di Commercio territorialmente competente. Inoltre i registri devono essere conservati presso ogni unità locale di produzione. Sul Registro vanno annotati tutti i movimenti di carico o scarico dei rifiuti, riferiti ad ogni singolo formulario, che andrà anche allegato.

Per movimento di carico si intende la produzione del rifiuto; per movimento di scarico si intende il conferimento del rifiuto a soggetti terzi autorizzati. Entrambe le operazioni devono essere registrate entro 10 giorni dal loro verificarsi. La medesima procedura si applica agli imprenditori agricoli nei casi previsti dall'articolo 3 del decreto legislativo 30 aprile , n.

Registro di carico e scarico rifiuti…abc

Inoltre, dovrà essere contrassegnata la casella ". Albo , dei diversi mezzi utilizzati es.

In caso di trasporto misto es. In caso di trasbordo parziale del carico su mezzo diverso effettuato per motivi eccezionali, il trasportatore dovrà emettere un nuovo formulario relativo al quantitativo di rifiuti conferito al secondo mezzo di trasporto.

Registo di carico/scarico rifiuti: di cosa si tratta e come si compila?

Sul primo formulario di identificazione, nello spazio per le annotazioni, dovrà essere apposto il codice alfanumerico del nuovo formulario emesso e gli estremi identificativi del trasportatore che prende in carico i rifiuti. Al produttore dovrà comunque essere restituita la quarta copia del primo e del secondo formulario emesso; z nel caso in cui il trasporto riguardi fanghi di cui al decreto legislativo 27 gennaio , n.

Per ubicazione dell'esercizio, si intende: la sede dell'impianto di produzione, di stoccaggio, di recupero e di smaltimento di rifiuti o la sede operativa delle imprese che effettuano attività di raccolta e trasporto, intermediazione e commercio di rifiuti; la sede di coordinamento organizzativo o centro equivalente di cui all'articolo 12, comma 3, del decreto legislativo 5 febbraio , n.

In questo caso, nel registro dovranno essere indicate le date di inizio e di fine trasporto; e nel caso in cui i registri siano tenuti mediante strumenti formatici, il modulo continuo da utilizzare deve essere conforme al modello riportato negli allegati A o B al decreto ministeriale n.

I medesimi soggetti devono tenere, inoltre, il registro previsto dal regolamento di cui al decreto legislativo 30 aprile , n. Tra i due registri esiste un evidente rapporto di integrazione. Pertanto, al fine di evitare inutili appesantimenti burocratici connessi all'annotazione in entrambe i registri della presa in carico e dello scarico dei veicoli avviati a demolizione, si ritiene che i soggetti che svolgono attività di autodemolizione ai sensi dell'articolo 46 del decreto legislativo n.

In tali caso il "numero di registro" da apporre sul formulario di trasporto dei veicoli avviati a demolizione, sarà quello relativo all'annotazione sul registro di cui al decreto legislativo 30 aprile , n.

Il MATTM presenta i nuovi "repository" per gestire le informazioni

In tali casi il numero di registro da apporre sul formulario di trasporto dei rifiuti prodotti dalla demolizione sarà quello relativo all'annotazione sul registro di cui al decreto ministeriale n. Vito La Forgia Normativa Torniamo agli albori della corretta gestione dei rifiuti cercando di dare delle informazioni utili sulla corretta tenuta del registro di carico e scarico rifiuti.

Il motivo per il quale questo articolo nasce è dettato dalle necessità emerse nelle imprese dove i registri di carico e scarico sono spesso affidati ad operai ed impiegati che non vengono formati adeguatamente. Cosa si trascura in un sistema gestionale di questo tipo? Prima di iniziare ad illustrare chi sono i soggetti obbligati alla tenuta del registro di carico e scarico riteniamo utile pertanto illustrare quali sono le sanzioni alle quali ci si espone quando viene riscontrata una cattiva gestione del registro.

Omessa o incompleta tenuta del registro di carico e scarico Chiunque omette di tenere o tenga in modo incompleto il registro di carico e scarico relativamente ai rifiuti non pericolosi è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 2.