Scarica Copioni Teatrali Napoletani Da

Scarica Copioni Teatrali Napoletani Da  copioni teatrali napoletani da

Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma Copioni – Commedie Napoletane. Autore: Age colombarosariaandolfi_atterraggiodifortuna-1Download. Autore: Colomba Titolo: 'E doie facce da furtuna. Atti: 2 Autore: Eduardo De Filippo. I copioni teatrali che trovi nel nostro sito sono di proprietà degli autori, sono stati reperiti online o ci sono stati inviati da utenti che come te hanno usufruito del. In questa pagina potrai scaricare gratis tutti i testi delle commedie edite da Denny copioni, hai letto la lettera aperta che ho inviato a tutte le Compagnie Teatrali? Tutto salta quando la boss della Camorra napoletana Laura Lampa, giunge. Oreste De Santis. IL Copione in Napoletano. LEGGI -. Pers. SCARICA. Pers. 5 (3u+2d) - Pers. 6 (4u +2d). Pers.7 (4u+3d) - Pers. 8 (4/5u – 3/4d) Pers. 9 - (4/5u. Trova, leggi e scarica i migliori copioni del mondo dello spettacolo. cercare tutti i copioni della categoria commedia o tutti quelli pubblicati da.

Nome: copioni teatrali napoletani da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale
Dimensione del file: 69.28 MB

È un sabato mattina di inizio primavera, quando la tranquillità, promessa dal nome, viene interrotta da una telefonata, che innesca una serie di eventi, a volte comici, a volte grotteschi, a volte perfino drammatici. Paolo Cortese: Sulla sessantina; commercialista, vedovo senza figli, è amante della moglie di un boss della malavita e nasconde qualcosa di poco pulito.

Alberto Cortese: Sulla sessantina: fratello maggiore di Paolo, è un bonaccione succube della moglie. Gaetano Capone: Sulla cinquantina; boss della malavita, è un mancato medico ed ha sposato una psicologa di cui è geloso e che tiene legata a se con gravi minacce.

Martina Russo: Moglie di Alberto; sulla sessantina, è un tipo stravagante e svampito, fuori dalla realtà, trascina il marito nel suo ambiente snob.

De Filippo Eduardo. Teatro Frutto di anni di lavoro e di ricerche, l'edizione del Teatro di Eduardo nei Meridiani si contraddistingue per la costante attenzione dedicata sia alla sua attività di autore sia alla sua personalità di regista teatrale e di attore.

Ogni commedia - al cui testo è stata data sistemazione definitiva correggendo refusi e ripristinando le corrette grafie del napoletano - è quindi corredata da una nota storico-teatrale di Paola Quarenghi, che segue le vicissitudini drammaturgiche dei testi, e da una nota filologico-linguistica a cura di Nicola De Blasi; ed è talvolta accompagnata dalla trascrizione di manoscritti o dattiloscritti inediti che ne testimoniano precedenti versioni o parti espunte.

Il ricco glossario di termini ed espressioni dialettali che conclude il volume consente anche ai lettori che non hanno familiarità col napoletano di apprezzare pienamente le sfumature linguistiche dei testi. Editore: Mondadori Cantata dei giorni pari - vol. Enrico, uno sciocco snob, è un inaffidabile sempre preda di veline e attricette che si trascinano una coda di paparazzi per farsi pubblicità su riviste scandalistiche.

L'unica a mostrare un po' di affetto per quelle vecchie mura è Sara, la scrittrice. I quattro si accapigliano per impadronirsi dell'eredità, ma non hanno fatto i conti con i fantasmi del castello, una pletora di giovani e vecchi, bambini e fanciulle, donne e cavalieri, ognuno con il suo passato tragicomico e il presente ricco di ricordi e nostalgia.

Copioni teatrali

Giudizio: Commedia brillante, che coinvolge tantissimi personaggi. Personaggi: 17 8U, 2D, gli altri possono essere sia uomini che donne. Adatto sia a una compagnia di giovani che di adulti. Scenografia: Stilizzata; luci e pedane delimiteranno le zone ambientali. Trama: È una storia d'amore e di tradimenti, quindi a prima vista niente di nuovo sotto il sole; invece Elisa è una giovane insegnante; Ermanno, sposato e con figli, per assolvere i suoi impegni di lavoro è costretto a una lunghissima trasferta lontano da casa.

L'improvviso apparire di Elisa colma il vuoto della sua anima ma si avvede che "qualcosa" gli impedisce di donarsi a questa ondata di sentimenti che lo travolgono. Nemmeno le rare comparizioni in famiglia lo placano, e lo vedono sempre più distante dai suoi affetti primitivi. Il groviglio di sentimenti e di emozioni che lo investono lo inducono a confidarsi per intero con un sacerdote del luogo.

Elisa, maestrina anch'essa in trasferta, in breve tempo si innamora di Ermanno; la sua giovane età non ha remore, e non comprende la ritrosia di Ermanno a donarsi nell'intimità. L'amico prete ascolta l'uomo, l'aiuta con parole di conforto e lo esorta a non giudicare la giovane.

Ermanno cede all'impulso della passione ma, poco dopo, il rapporto fra i due si deteriora senza spiegazione plausibile. Qualcosa ostacola la loro unione sentimentale, ed è Elisa a capirlo e a rivelarlo a Ermanno: "l'appartenenza" che lo condiziona è l'educazione cristiana che ha ricevuto.

I due si lasciano. Sorprende un prete che non fa prediche, che non trancia giudizi, coerente con l'orientamento attuale della Chiesa? La forza della Grazia, nascosta ma radicata, è tale da far interrompere un rapporto intenso ma fallace? Giudizio: Intensa commedia d'amore. Personaggi: 18 9U, 9D. Scenografia: Favolistica.

Trama: Favola musicale intelligente e spiritosa per ragazzi, che tocca temi di attualità e di interesse anche per un pubblico adulto. E' una sorta di fantasiosa parodia del mondo delle fiabe che chiama in campo i più noti personaggi delle favole mettendoli alla prova con problematiche odierne, in particolare quella dello strapotere televisivo che mette in pericolo la loro stessa esistenza. Primo perché sono diventati vecchi e fuori moda, secondo perché nessuno racconta più favole.

Devono essere riqualificati. Ecco allora che luoghi comuni e stereotipi televisivi si impadroniscono dei loro comportamenti e del loro linguaggio con una sequenza di trovate, di battute scandite a ritmo continuo.

Testi e Copioni Teatrali Comici - Commedie Musicali Brillanti

Una nutrita serie di canzoni, la maggior parte in chiave rap, dà risalto ai protagonisti simpatici e stravaganti, tutti ben disegnati. Giudizio: Il lavoro è un pretesto per una riflessione sul valore immortale delle favole, e sull'importanza che siano i grandi a narrarle ai piccini. Marzo Personaggi: moltissimi. Trama: Una classe di scuola superiore, oggi.

I ragazzi hanno cercato di dare fuoco alla scuola e devono essere puniti. Il prof di religione escogita una punizione un po' strana: devono fermarsi a scuola di pomeriggio per cercare di scrivere una commedia su san Francesco. I mugugni non servono e i ragazzi, se vogliono la promozione, dovranno sudarsela. Cominciano a leggere qualcosa su san Francesco, si informano, e pian piano la loro commedia nasce, viene fuori, materialmente.

IL TEATRO NAPOLETANO : DA I FRATELLI DE FILIPPO FINO A VINCENZO SALEMME

Giudizio: Commedia semplice e profonda, parla del passato ma vive nel presente. Adattamento in milanese di Pietro Callegaro. Poesie di Moreno Cioni. Personaggi: 3 2 U, 1 D. Trama: Due barboni hanno come rifugio lo scantinato di una casa abusiva, non finita.

Vivono rassegnati ma tranquilli, finché non irrompe una donna, anche lei barbona, che rompe un equilibrio faticosamente raggiunto Finale positivo. Giudizio: Tema di attualità. Riflessione sulla povertà con un finale fuori dalla realtà ma che permane nel suo messaggio positivo: la ricchezza non è tutto. Personaggi: 2 D. Scenografia: Casa di riposo per anziani. Trama: Racconta di un amore impossibile ma veritiero.

Due donne sole, vedove, sono state "depositate" dai figli in una casa di riposo. Vivendo nella stessa stanza si confidano pensieri e angosce. Le tematiche del testo sono profonde: - l'amore è prerogativa solo dei giovani? Giudizio: Il lavoro si presta a una riflessione sulle tematiche di vita degli anziani.

Adattamento di Sudati Claudio. Personaggi: 5 3U, 2D. Trama: La commedia drammatica risulta essere la riedizione, in chiave moderna, del dramma di Roberto Zago dal titolo "Vero amore", dal quale sono stati semplificati il numero iniziale dei personaggi, l'età di alcuni protagonisti e il finale. In breve la trama: la famiglia Dursi è formata da Andrea, il marito, rappresentante di commercio che, a causa di un incidente occorsogli, rischia il ritiro della patente; Maria la moglie, una semplice donna di casa; Anna la figlia spregiudicata e Walter il figlio in crisi.

Una sera i coniugi decidono di uscire a cena per festeggiare l'anniversario di matrimonio. Andrea all'inizio tergiversa ma poi confessa che ha avuto un altro incidente ha investito un ciclista era buio la nebbia ma nessuno lo ha visto, ha spento le luci ed è scappato. E il ciclista? Sconvolta Maria telefona al pronto soccorso il ciclista è morto. Maria non sa darsi pace; si interessa della famiglia del morto e decide di aiutare Massimo, il figlio del ciclista, nel proseguire i suoi studi in Seminario.

Massimo, un pomeriggio viene a visitare i Dursi e durante il colloquio dice di conoscere, dalla testimonianza di un passante, i primi tre numeri di targa dell'auto che ha investito il padre.

In seguito conosce Walter e i due diventano amici; Walter trae grandi benefici da questa amicizia. Maria poi incontrerà Massimo e capisce che Massimo conosce la verità. Il giovane conferma, dicendo che doveva sapere se era davvero capace di perdonare.

Il finale è da vedere. Giudizio: Un lavoro di grande impegno drammaturgico e artistico. Atti: 1 6 quadri. Scenografia: Interno di una modesta casa americana. Trama: Le conseguenze inattese di un errore giovanile sottovalutato accomunano un padre anziano e due figli ormai adulti. L'occasione è la necessità di assistere il padre che è stato trovato svenuto lungo la strada del titolo, nei pressi di Austin, Texas, dove si svolge l'azione. La convivenza dei tre protagonisti, che inizia in quest'occasione, è subito caratterizzata da una strana tensione che nasce da un fatto avvenuto nel lontano passato e mai chiarito, che ne ha condizionato pesantemente la vita e il cui punto focale è proprio quel km 94 della strada Interstatale Sarà l'occasione di una drammatica resa dei conti.

Giudizio: Dramma personale e familiare che tratta un argomento, la perdita dell'autosufficienza delle persone anziane, molto attuale. Epoca: Antico Egitto e moderna. È presente alla cerimonia il sacerdote Imhotep, segretamente innamorato della principessa, il quale ha intenzione di rubare una antica formula lo scritto di Toth per ridarle la vita. Ma viene scoperto e sepolto vivo. La vicenda prosegue con numerosi colpi di scena e un finale a sorpresa.

Giudizio: Commedia brillantissima adatta a compagnie di adolescenti e giovani che vogliano cimentarsi con una trama ricca di intrighi. Epoca: Anni ' Scenografia: Interno. Trama: Gino e Angela sono felicemente fidanzati sino a quello strano giorno in cui "ona macchina de tropp" s'intromette nella loro vita.

La temibile "sciora Maria", futura suocera del povero Gino, lo costringe ad una drastica scelta che causerà la fine della tranquillità familiare. Un mazzo di rose molto sospette contribuirà ancora di più a complicare la situazione, che si chiarirà solamente nel lieto finale.

Giudizio: Atto brillante. Trama: Una giovane che non capisce una parola di meneghino si intrufola in casa di un'anziana coppia che parla esclusivamente in dialetto, spacciandosi per una nipote che non vedono da molti anni. Ne ribalta le abitudini, cambia loro la vita ma il dubbio, e il tormentone, è sempre lo stesso: ma è proprio nostra nipote? Giudizio: Tratta di un tema odioso di grande attualità: le truffe agli anziani. Personaggi: 4 2U, 2D. Trama: Lui è un professore poco più che sessantenne; lei una giovane di venticinque anni.

Da un lato l'esperienza, la maturità, la vita vissuta con le sue fatiche la prima moglie morta separato dalla seconda. Dall'altro la freschezza, la naturalezza, la modernità. La gioventù, insomma. I due si incontrano, si scrutano, sondano reciprocamente le proprie sensibilità.

E alla fine il "deus ex-machina" è dato dai sentimenti, e questo incontro registra la crudeltà dei rapporti quando il divario generazionale non ammette compromessi. E allora eccolo il "maldamore" che ti prende, ti opprime, ti fa dannatamente soffrire. Che vita è? È atroce, è cattivo il "maldamore". È unico. Giudizio: Vicenda sentimental-intimistica dai contenuti moralmente evidenziati. Genere: Allegorico. Personaggi: 1D Atti: 1. Epoca: Al tempo di Gesù.

Trama: Opera dedicata a Maria di Nazareth, sposa e madre, in cui si immaginano i momenti importanti della sua vita: dalla notte in cui ricevette lo Spirito Santo alla notte di Betlemme.

Dal giorno in cui il suo sposo Giuseppe l'ha lasciata per sempre, al giorno della crocifissione di suo figlio Gesù e al giorno in cui si è addormentata.

Giudizio: Monologo delicatissimo, molto poetico, adatto a una giovane attrice provetta. Personaggi: 17 8U, 9D. Trama: Viene presentata come una "commedia per giovani" ma è un testo anche per adulti.

Scarica e leggi i copioni brillanti e i testi comici delle commedie teatrali musicali e in prosa

Un giovane scrittore squattrinato scrive banalità pubblicitarie ma la sua massima aspirazione è quella di scrivere, e pubblicare, una commedia favolistica, e la moglie lo asseconda.

Dopo poco i personaggi della favola diventano reali, e trameranno in maniera tale che il testo trovi un editore. La commedia ha successo; i soldi a palate danno la testa al giovane autore che ne combina di tutti i colori, arrivando al punto di allontanare da sé la giovane moglie, ingenua e sprovveduta.

Giudizio: Si possono trasmettere valori fondanti quali l'amore, la famiglia, l'onestà individuale mediante un testo teatrale esilarante? E questa commedia ne è la prova.

Potrebbe piacerti: Scaricare midi napoletani

Trama: Un breve bozzetto; due giovani, per strada, carpiscono la fiducia di un'anziana. Con il pretesto del figlio bloccato in Svizzera dalla polizia elvetica, che gli ha sequestrato la moto, il cellulare e gli ha comminato una multa dalla cifra incredibile, le spillano un sacco di soldi offrendosi di andar loro a pagare.

Solo quando i due malviventi se ne sono andati chiamerà il figlio al telefono, e capirà di essere stata raggirata. Personaggi: Trama: A un Re delle favole viene predetto che la figlia, appena nata, sposerà l'umile figlio di un taglialegna anch'esso appena nato.

Per evitare questa sciagura, il Re cerca di far uccidere il bambino. Non ci riuscirà e, naturalmente, per una serie di circostanze i due si sposeranno davvero e il Re cattivo sarà costretto per sempre fare il barcaiolo che traghetta le gente da una parte all'altra di un fiume. Epoca: Milano, oggi. Scenografia: SSalotto di una casa borghese. Trama: Piccola storia di un rapporto tra due genitori quarantenni e la figlia non ancora diciottenne che, per una telefonata ascoltata parzialmente, loro credono incinta.

Situazione non più da scandalo, ma che mette a soqquadro il regolare andamento della famiglia per bene. Sorpresa finale: quella incinta è la mamma. Giudizio: Il dialetto milanese rende la commedia di Luciano Lunghi ancora più divertente. Trama: Sono le vicende surreali di due paesi immaginari, il Regno di Borgosole e l'Isola di Buiopesto. Il primo è governato dal re Orazio di Borgosole, la cui famiglia, ormai da generazioni, detiene l'incarico di accendere e spegnere il sole e la seconda da re Tardonio, un sovrano poco incline al ruolo di governatore e più interessato a fare il giocherellone; ma il suo regno, l'Isola di Buiopesto, è afflitto da un tremendo sortilegio, per cui tutti gli abitanti sono costretti a non esporsi ai raggi del sole, pena la metamorfosi in insetti.

Finale liberatorio. Giudizio: Favola agile e leggera con qualche garbata critica alla realtà. Personaggi: 1 1U. Trama: Monologo in cui il Protagonista è un uomo travolto dalla disperata condizione del figlio, ormai consunto da una malattia senza speranza e che da tempo soffre tutto il male possibile.

Senza alcuna fede, egli varca la porta di un antico oratorio, nel quale secoli prima è avvenuto un fatto miracoloso, per chiedere che la sua creatura soccomba o guarisca. L'uomo si umilia e non nasconde la propria incredulità, eppure coltiva la segreta speranza di venire ascoltato anche se non sa come né da chi.

La notte di un uomo fa parte di una trilogia intitolata Tre uomini, oltre. Giudizio: Testo a tesi: la morte non vince sulla vita, anche quando sembra che tutto congiuri contro. Genere: Adolescenti. Personaggi: 20 variabili Atti: 2. Epoca: Degli anni '70 e attuale.

Scenografia: Un'aula di un liceo. Trama: Una classe di liceo degli anni '70 con studenti coinvolti politicamente, chi a destra e chi a sinistra. Una professoressa che mostra un atteggiamento severo per tenere la disciplina e che fa leggere e commentare ai ragazzi, con profitto, due poesie di Baudelaire.

Nel secondo atto, trent'anni dopo, nella stessa classe, la medesima professoressa fa leggere le stesse poesie a giovani abulici, senza interessi, che considerano la vita solo un gioco. Giudizio: È un'analisi del mondo giovanile, con due generazioni di studenti messe a confronto.

Scenografia: Un salotto moderno. Trama: La morte in palcoscenico. La signora in nero viene per svolgere il suo lavoro ma concede un'ultima possibilità alla sua vittima: 24 ore per risolvere un enigma.

Fausto chiede aiuto a un amico, esperto in rebus, enigmistica e simili. Riuscirà nel suo intento? La commedia affronta il tema della morte, e il momento ignoto e temuto fissato dal destino è l'enigma che ci accompagna per tutta la vita. Giudizio: Black comedy con sottofondo educativo. Personaggi: 11 5U, 6D. Epoca: Milano, inizio anni ' Scenografia: Interno di una vecchia osteria sui navigli.

Trama: Il titolo si traduce in: "L'osteria degli attaccabrighe". Due genitori, vecchi proprietari dell'osteria, hanno sempre desiderato che il figlio, l'attuale proprietario, si sposasse. Come nella migliore tradizione, l'amore trionferà nel modo più naturale, e senza incantesimi. Giudizio: Commedia per divertirsi e divertire. Trama: Copione profondo e umanissimo. Giudizio: Il tema dell'Alzheimer viene trattato con delicatezza, infondendo serenità e amore alle famiglie coinvolte.

Scenografia: Casa del parroco. Trama: Adatta anche per una compagnia di giovani, è una commedia comico-brillante dai ritmi elevati, dove tutti gli attori hanno il loro spazio scenico. Un parroco sta scrivendo la predica per la domenica, ma una pletora di parrocchiani e non petulanti, carichi di problemi reali, ma spesso fantasiosi, gli rende la giornata difficile.

Giudizio: Spassoso "divertissement" adatto anche a una ricorrenza parrocchiale. Personaggi: 3 1U, 2D. Trama: Testo breve ma intenso, pieno di emozioni femminili.

Noemi, donna non più giovane, ha perso marito e figlio. Ruth, la nuora, è una ragazza giovane, ingenua, che accudisce la suocera con amore. L'ingresso in scena di Booz, vecchia fiamma di Noemi, risveglia in entrambe il sogno di una vita nuova. Ma il sogno di Noemi si spegne in un'ulteriore rinuncia; s'avvede dell'interessamento dell'uomo per Ruth e, nonostante l'atto le provochi dolore, tramerà affinché i due si innamorino e si sposino.

Per Noemi resta la solitudine e la pena della rinuncia. Giudizio: Atto unico ispirato alla vicenda biblica di Ruth. Personaggi: 2 2U. Scenografia: Sulla riva di un fiume. Trama: Due uomini si incontrano sulla riva di un fiume. Sono due pescatori.

Uno, Luciano, burbero, scontroso, di poche parole; l'altro, Giorgio, pasticcione e chiacchierone. Nonostante tutto, fanno amicizia. Luciano faceva i gelati "più buoni del mondo", ma col cacao delle piantagioni africane dove si riciclano rifiuti tossici e si fanno lavorare i bambini, e Giorgio, missionario laico, che in Africa ha perso suo figlio per colpa del primo e per questo vuole ucciderlo Giudizio: All'interno di una commedia, in gran parte brillante, si inserisce un dramma sociale con temi di grande attualità.

Trama: Un'anziana signora rilegge una lettera scritta pochi giorni prima a un'amica che l'ha lasciata. Solo alla fine del monologo si apprende che l'amica che ha condiviso con lei tanti giorni è una cagnolina. Giudizio: Testo molto poetico, in dialetto milanese, adatto a un'attrice provetta. Trama: Breve racconto della Genesi e della nascita di Gesù.

Giudizio: Testo molto poetico, adatto a bambini delle prime classi delle elementari. Genere: Giovani. Personaggi: 13 7U, 6D Atti: 3. Epoca: Fine anni '20 in America. Scenografia: Sala di un night club primo e terzo atto e una profumeria secondo atto. Trama: Nella Detroit del Frank Lo Gatto, capo di una banda di gangster, se la deve vedere con un tenente di polizia un po' imbranato, due suoi scagnozzi ancora più maldestri, una cantante, Miele, che vorrebbe essere tenuta un po' più in considerazione e, soprattutto, con Joe Gardenia, che gli contende il possesso del territorio.

Tre copioni teatrali da scaricare

Ne succedono di tutti i colori. Giudizio: Testo adatto a una compagnia di giovani che la recitino con un ritmo vivace. Personaggi: 13 7 U, 6 D Atti: 2. Epoca: Durante la guerra dei Cento anni. Personaggi: 15 10U, 5D. Trama: Il protagonista, "el Gregori", è un industrialotto titolare di un'azienda di pulizie, che sfrutta i suoi dipendenti, è ossessionato dai soldi ma è tutto sommato di buon cuore.

Muore improvvisamente, e si ritrova al cospetto di san Pietro che gli fa scontare in modo originale le sue colpe.

Giudizio: Commedia piuttosto surreale con conclusione in Paradiso. Epoca: dell'unità d'Italia. E quasi tutti impegnati a sfoderare canzoni, costruite su musiche di grande presa e arcinote, quindi facilmente memorizzabili. Alla vicenda garibaldina si intreccia anche quella d'amore. Giudizio: Un buon testo per ricordare in una forma simpatica la storia del nostro paese.

Rachele, la moglie di Simon Pietro, dopo la Crocifissione di Gesù, tenta, anzi pretende, di riportare a casa il marito e padre dei suoi figli; col ritorno alla serenità della famiglia, alle amicizie, alla pesca, invece di restare in quel gruppo di sbandati, senza guida e senza meta. Giudizio: Testo ricco di suggestioni, in cui viene messa in risalto la Parola.